Mobilità e vitalità articolare, qualche proposta pratica

Annunci

Quaderni della tecnica DBN n.28, Proposte per l’utilizzo della doppia pressione

Una serie di immagini estratte dal video con relativo articolo di presentazione

Quaderni della tecnica david doppia pressione 2018

Seminario su meridiani tendino muscolari e fasce, dal tocco gentile alla dinamica ne trattamento shiatsu Salerno 23/24 febbraio 2019

La fascia connettivale circonda e avvolge ogni struttura corporea. Ogni osso, ogni muscolo, ogni organo, ogni vaso sanguigno o linfatico, ogni nervo è circondato da un sottile strato di tessuto connettivo con il compito di sostenerlo e proteggerlo. Ognuna di queste strutture non rimane però isolata nella sua “tasca connettivale”, ma, grazie proprio alla fascia si interconnette con le altre strutture creando un continuum, uno strato connettivale, senza soluzione di continuità.

nastro di moebius

Le emozioni più importanti, soprattutto se il corpo non riesce a trovare un naturale veicolo per scaricarle nel momento giusto, le situazioni di stress prolungate nel tempo, possono lasciare “cicatrici” nelle nostre fasce.

L’allentamento o il rilascio delle tensioni fasciali è però un intervento possibile tramite semplici manovre di “ascolto-contatto”

E’ presumibile che le fasce siano i “contenitori” o i “supporti” a vari livelli e diverse profondità dei meridiani, dai principali, agli straordinari e tendinomuscolari.

Meridiani tendinomuscolari jing jin

La traduzione letterale di Jing Jin è muscoli dei meridiani. (considerati come l’insieme funzionale dei muscoli che percorrono il tratto superficiale del meridiano).

I meridiani tendinomuscolari, sono strettamente collegati sia ai muscoli che ai tendini, hanno un decorso superficiale e quindi sono i più yang tra i meridiani.

Le vie energetiche come i meridiani tendinomuscolari, che sono le vie energetiche più superficiali, sono le più esposte alle aggressioni da parte dell’ambiente ed è il motivo per cui è importante che siano sempre ben nutrite e irrorate dalla “Wei Qi” (energia difensiva).

I meridiani tendinomuscolari, oltre ad unire le strutture ossee a quelle tendinee e muscolari e permetterne il movimento, controllano la postura, i muscoli lisci dell’intestino, le arterie e la muscolatura involontaria.

Locandina David Hirsch con logo